SERVIZIO SU RAI TRE NAZIONALE RELATIVO ALLA PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO “FUGA DA LIPARI”

Sabato 1 agosto 2009 alle ore 23, su Rai Tre nazionale è andato in onda un accurato ed interessante servizio sulla fuga da Lipari di Emilio Lussu, Francesco Nitti e Carlo Rosselli. Il programma ha fatto riferimento alla proiezione del documentario di Marco Leto “Fuga da Lipari”, realizzata lunedì 27 luglio 2009 nell’ambito dei “pomeriggi culturali eoliani” promossi dal Centro Studi di Lipari, ed in occasione degli 80 anni della fuga dall’isola dei tre confinati. Nel servizio sono stati riproposti alcuni frammenti del documentario ed un colloquio con il regista.  

Dopo la numerosa partecipazione all’evento da parte di eoliani e turisti, il programma ha rappresentato un ulteriore successo per il Centro Studi di Lipari, le cui iniziative culturali sono le uniche, nell’ambito dell’arcipelago eoliano, a riscuotere interesse sia a livello locale, che nazionale. Inoltre merito notevole, per l’associazione, è stato quello di commemorare tali illustri uomini politici, che fuggendo dal confino hanno detto no al fascismo, ridando così lustro ad un importante pagina della storia Italiana disgraziatamente caduta nell’oblio a livello nazionale. 

La spettacolare evasione venne realizzata la sera del 27 luglio 1929, quando i tre confinati raggiunsero a nuoto un motoscafo, con a bordo il compagno Gioacchino Dolci, che li attendeva nascosto nel tratto di mare sottostante il Castello. Dopo essere sbarcati in Tunisia, i tre, poterono raggiungere  Parigi, dove nello stesso anno Rosselli fondò il movimento “Giustizia e libertà”. Alla fuga collaborò, tra gli altri, anche il comunista Edoardo Bongiorno, personalità di spicco a Lipari e protagonista dell’ultimo bestseller di Marcello Sorgi “Edda Ciano e il comunista”. 

Rosita Rijtano 

Addetta stampa “pomeriggi culturali eoliani” del Centro studi di Lipari